Tuesday, January 3, 2012

Ex-FIFA Executive Says He Got World Cup TV Rights for $1 - BusinessWeek

Former FIFA Vice President Jack Warner said he got the World Cup television rights for Trinidad & Tobago for $1 after helping Sepp Blatter get elected president of the soccer ruling body.

Warner, who quit world soccer’s governing body in June after accusations of bribery, said today in a statement that he got the rights from FIFA in 1998 via a Mexican company and also acquired them for the 2002, 2006, 2010 and 2014 editions. He used the revenue from selling on the rights to develop the sport in the Caribbean, where he’s from, according to the statement.

Warner quit during a FIFA investigation into allegations about him and another vice president, Mohamed Bin Hamman. The pair was accused of giving Caribbean officials $40,000 in cash to gain support for Bin Hammam’s presidential campaign against Blatter. At the time, Warner denied wrongdoing and said he’d been “hung out to dry” after 30 years with FIFA.

Zurich-based FIFA said in an e-mail today “it will look into” Warner’s comments, and the organization’s London-based spokesman Brian Alexander declined to make any immediate response.

FIFA normally sells World Cup television rights directly to broadcasters, or sub-contracts companies to negotiate sales.

Warner said he refused to endorse Blatter in the June election even though he was offered the rights to the 2018 and 2022 World Cup for a nominal fee. He also alleged that he was offered other “inducements” to develop soccer in the region, including relaying turf at a stadium in Trinidad & Tobago and $1 million in grants, according to the statement.

Past Agreements

FIFA rescinded an agreement with International Media Content Ltd.’s SportsMax cable channel to broadcast the 2014 World Cup in the Caribbean after “only recently” becoming aware that a company owned by Warner negotiated the sale on behalf of the regional soccer association, the BBC reported Sept. 8, citing a FIFA letter to the association.

IMC had paid as much as $20 million for the rights to the 2010 and 2014 tournaments, the BBC said.

Hammam withdrew his candidacy in May, and Blatter was re- elected on June 1 as the only candidate. Hammam denies wrongdoing and is appealing a life ban from soccer at the Court of Arbitration for Sport.

Blatter in October announced plans to reform FIFA, which governs the sport and oversees the World Cup. The soccer showpiece tournament generates about $4 billion in television rights, sponsorship and other income.

--Editors: Christopher Elser, Bob Bensch.

To contact the reporters on this story: Tariq Panja in London at tpanja@bloomberg.net. Alex Duff in Madrid aduff4@bloomberg.net.

To contact the editor responsible for this story: Christopher Elser at celser@bloomberg.net

Agassa: World Cup triumphs them all-Fifa.com

For Kossi Agassagoalkeeper, 2012 is already shaping up to be an important year. His club, Reims, are seemingly on course for promotion to Ligue 1, while he also dreams of a return to the FIFA World Cup ™ Togowith.

Reims lie second in Ligue 2 and have their sights set on rejoining the top Franceflight, where they enjoyed one of the most successful spells in their history. In fact, in the postwar period, Reims won the National Championship six times and twice finished runner-up to Real Madrid in the Cup fans. Some European UEFA might believe that these exploits ever will be matched, but a return to the elite would certainly be a step in the right direction.

"We're not playing for promotion," FIFA.comAgassa said. "Our goal is to ensure that we avoid relegation as quickly as possible. Then we'll see if we are not in a good position. "

Recent performances Reims were nothing if not encouraging, but with half season still at play, players are understandably anxious to keep our feet on the ground. "The club is restructuring gradually," explained Agassa, who arrived in Europe in 2002.

"It is my fourth year here [in Reims] and really I noticed a change. Everyone, at every level, is trying to do everything possible to help us thrive in French football. Every player wants to play at the highest level. "

At the age of 33 years, Agassa believes still has the ability to shine in Ligue 1 and backing up those claims with some fine running awesome monitor Reims in 2010/11 Francede Coupe. After knocking at Montpellier, la Ligue 2 side defeated Rennes in a hilarious meeting with saving two penalties Agassa. Reims eventually fell to Nice in the quarterfinals, but the Cup run provided a taste of success and only increased their desire to return to the top level of French football.

2006 dream memories, 2014
In addition to push can promote Reims, spring 2012 will also be a crucial period for Agassa internationally, with the second round of African qualifying for Brazil 2014 that looms on the horizon. Togo exceeded the Guinea-Bissau to seal their progress to the second round, and after a few years, west Africans can finally dare to dream again.

"Togolese football is in a transition phase," said former goalkeeper for Etoile Filante. "We are preparing for future challenges, such as the Tin in 2013 and 2014 World Championships. We couldn't make the can in 2012, but sometimes you need a year as you bounce back stronger ".

Emmanuel Adebayorback to the national set-up is an encouraging sign Togofor, as explained Agassa. "He is the biggest star of the team, and we missed him during his absence," said the goalkeeper, who has 52 caps to his name.

"We are now back on track and we can aim higher, we were able to over the past two years. Emmanuel and I are among the players of the senior team. I am one of the oldest and we are there to guide the younger players, whose task will be to bring the national team in years to come. "

Agassa was No1 in Togocourse of the inaugural World Cup campaign in 2006, so he is well aware of the opportunity that lies before him and his teammates. "It was an honor to play at the World Cup," he said. "Our performance Franceagainst, particularly in the first half, is a great memory for me."

France eventual finalists won that first round tie 2-0, but Agassa undoubtedly will remember with fondness the match. Pulled by a save of the tournament, nullify David Trezeguet from point-blank range after keeping out initial effort of Florent Malouda.

"I've never played in the Champions League or League of Europe, but I can say that I played in a World Cup, and that is a competition that trumps all," said Agassa, clearly excited by the prospect of returning to the world stage Togowith. "Once you've tasted only want one thing, namely to go back there again. We need to do so as we can perhaps in our qualification and give us a strong possibility of experiencing it all again. "

Soccer-Struggling Real Zaragoza fire coach Aguirre - Reuters Africa

 Real Zaragoza have rescinded the contract of coach Javier Aguirre, the La Liga club said on Friday, following a woeful run which has left them bottom of the standings.

"Real Zaragoza have agreed with Javier Aguirre to cancel his contract as first team coach," Zaragoza said in a statement on their website (www.realzaragoza.com).

"The situation the Aragonese team is in required an urgent change of course, which is why this agreement was reached," Real added.

Former Mexico boss Aguirre, who has also coached La Liga sides Atletico Madrid and Osasuna, was appointed in November 2010 to replace the sacked Jose Aurelio Gay and the 53-year-old helped Zaragoza narrowly avoid relegation last term.

With 16 of 38 matches played this season, they have just 10 points and are four behind 19th-placed Racing Santander.

"The players will get through this," Aguirre was quoted as saying in local media on Friday.

"I would have liked to stay to the end but I understand that these things happen in football."

Like many Spanish clubs, Zaragoza are suffering severe financial difficulties and applied to go into voluntary administration in June.

The newly-appointed members of their board of directors would hold a news conference later on Friday, the club said.

Zaragoza have won Spain's King's Cup six times, the last coming in 2004, and beat Arsenal to win the European Cup winners' Cup in 1995. (Reporting by Iain Rogers, editing by Alastair Himmer; To query or comment on this story email sportsfeedback@thomsonreuters.com)

Cathedral of Football Centerpiece of 2014 WC, 2016 Olympics - TSN

RIO DE JANEIRO - venezuelano turistico Alexis Nunez era entusiasta di essere in piedi di fronte al Maracana.

Attraversò le braccia, tirato giù la sua tonalità e cominciò a guardare quello che lui chiama la "cattedrale del calcio".

Per gli appassionati di calcio, c'è qualcosa di magico su Maracana. È il secondo più visitati turistico a Rio, dietro solo il Cristo la statua del Redentore.

Pensieri corsero attraverso la mente Nunez come il suono di macchinari pesanti, ha fatto eco da dentro il famoso luogo.

"Stavo proprio pensando di tutta la storia di questo luogo, su tutto ciò che è accaduto all'interno di questo stadio nel passato," ha detto. "Tutte le partite del leggendarie, tutti i grandi giocatori, tutti i tifosi che utilizzato per il confezionamento di questo stadio. È semplicemente fantastico di essere qui, non c'è nulla di simile."

Uno degli stadi più riconoscibili nel mondo e la casa del calcio brasiliano, Maracana è piena di storia e ricco di tradizione.

È dove Pele suo gol millesima carriera nel 1969, e dove quasi 200.000 persone guardato la Coppa del mondo 1950 finale, quando il Brasile è stato stordito dall'Uruguay in quello che divenne noto come del Peñarol. Era la più grande folla mai conosciuta di aver guardato un calcio partita.

"Potete immaginare cosa fosse seduto lì per una partita come quella?", ha detto il pubblicista venezuelano di 28 anni.

Ma con un anno di andare su un progetto di ristrutturazione, il migliore può ancora essere a venire per il famoso stadio.

Brasile attirerà l'attenzione del mondo nei prossimi anni ospitando i mondiali del 2014 e le Olimpiadi del 2016 Rio e il Maracana sarà il punto focale di entrambe le manifestazioni. È prevista per ospitare l'apertura e la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi, il primo mai in Sud America, come pure la finale della Coppa del mondo, il primo in Brasile dopo il torneo del 1950.

"Stavo pensando circa che bello sarebbe essere qui ancora tre anni da oggi, ma questa volta all'interno dello stadio, per una finale di Coppa del mondo", ha detto Nunez, orgogliosamente indossando la maglia squadra nazionale del Venezuela. "Questo è il mio obiettivo ora, per essere indietro e vedere un calcio partita al Maracana nuovo."

Nunez stava visitando Rio de Janeiro per una settimana e non ha voluto lasciare la città senza sosta per vedere il Maracana. Centinaia di altri turisti come lui visita Maracana ogni giorno, gli autobus pieni di persone arresto da, anche se è stato chiuso per lavori di ristrutturazione dal 2010.

"Non è stato solo gli stranieri che hanno fatto visita allo stadio, Rio anche persone sono venuti qui per dare un'occhiata a come vanno le cose," ha detto il Marcio Pele, un artista di Rio di 47 anni che, negli ultimi sette anni, ha fatto i soldi da giocoleria un calcio di fronte la sede, quasi sempre indossare la maglia gialla della nazionale di calcio del Brasile.

"Il calcio tifosi sono ancora a venire, essi perdere esso," ha detto.

Oltre al gol carriera millesima Maracanazo e di Pele, lo stadio ospitato anche alcune delle più importanti partite nel calcio brasiliano, tra cui diversi finali del campionato brasiliano. Club più popolare del Flamengo, Brasile, è stato l'ultimo a vincere il titolo lì, nel 2009.

Alcune delle migliori partite internazionali allo stadio incluso due finali di Coppa del mondo per Club, nel 1963 e 2000, come pure il 2008 ha vinto la finale di Coppa Libertadores da Liga de Quito dell'Ecuador sopra Fluminense del Brasile.

La finale della Copa America 1989 inoltre ha avuto luogo al Maracanà, quando Romario segnato con un colpo di testa di dare Brasile una vittoria per 1-0 e il titolo di fronte a più di 130.000 appassionati.

Tra le molte personalità di calcio su "marciapiede di fama" dello stadio è ex Brasile e Flamengo grande Zico, il giocatore con il maggior parte successo presso la sede con 333 gol in 435 partite.

Ma non c'è stato un match a Maracana poiché 0-0 disegnare tra Flamengo e Santos in campionato brasiliano nel settembre 2010.

Maracanà, che appartiene alla città di Rio, sta subendo una ristrutturazione di 470 milioni di dollari. Quando il lifting è completato nel fine del 2012, lo stadio manterrà il suo aspetto tradizionale ma avrà nuove strutture e servizi, tra cui un nuovo tetto e una nuova capacità di 76.000 posti.

Maracana fu costruita per la Coppa del mondo 1950 e l'obiettivo era quello di costruire lo stadio più grande del mondo al momento. Il gigantesco progetto era un'impresa enorme per il governo locale, ma i funzionari ha voluto mostrare il progresso del Brasile e Spinta orgoglio della nazione dopo la seconda guerra mondiale. Ci sono voluti meno di due anni per costruire per la Coppa del mondo, anche se non era interamente completato quando il torneo ha cominciato.

Ufficialmente chiamato Estadio Jornalista Mario Filho, uno dei più importanti giornalisti sportivo brasiliano, lo stadio ospitato alcuni degli eventi più storici del Brasile, non riguarda il calcio, tra cui una messa celebrata dal Papa Giovanni Paolo II nel 1980.

Uno dei giorni più bui dello stadio era il 19 luglio 1992. Ecco quando più di 120.000 tifosi erano allo stadio per il campionato brasiliano finale tra Flamengo, Botafogo e una ringhiera in una delle sezioni superiori crollò, uccidendo tre persone e ferendone circa 50.

Era comune per folle di più di 100.000 persone a guardare partite fino ad allora, ma la tragedia verrà chiesto alle autorità di ridurre il numero di tifosi che ha permesso allo stadio. Sua capacità di posti a sedere è stato costantemente diminuita negli anni a seguito dell'incidente.

Maracana non aveva subito una significativa ristrutturazione dal essere rinnovata per i giochi Panamericani che ha avuto luogo a Rio. Ci sono stati alcuni cambiamenti dopo l'incidente del 1992, e è stato anche aggiornato prima inaugurale Club World Cup della FIFA nel 2000.

I più recenti lavori di ristrutturazione non sono venuti senza polemiche, con i critici, dicendo che sono troppo costosi e pieno di irregolarità. Gli scioperi dei lavoratori anche hanno ostacolato il progetto.

Ancora, la sensazione generale rimane uno di orgoglio, specialmente per coloro che sono direttamente coinvolti in sta preparando il Maracana nuovamente.

"Questo sta per essere buono per tutti in questa città e in Brasile," ha detto 67 anni Joao Lourenco, un operaio edile presso la sede di prendere una pausa dal caldo cocente Rio. "Siamo orgogliosi di lavorare sodo per ottenere questo stadio pronto, sappiamo che un grande palcoscenico per il mondo intero sarà nuovamente in pochi anni."


Seguire Tales Azzoni a http://twitter.com/tazzoni